TERRITORIO / ENVIRONMENT

Il Moltrail si sviluppa in un rettangolo geografico di 30 km per 20, pressoché disabitato e costellato di numerosi villaggi minerari abbandonati, che va dal Mar di Sardegna al Campidano di Cagliari.

In questa zona selvaggia e incredibilmente intatta dominano il leccio e la quercia, i cervi e i cinghiali. mentre la grande maggioranza delle persone resta nei paesi che costellano i suoi confini naturali: Domusnovas, Iglesias, Buggerru, Fluminimaggiore, Gonnosfanadiga, Villacidro e Vallermosa.

Il territorio è caratterizzato da montagne non certo altissime, con picchi poco sopra i 1200 metri, ma molto ripide e impegnative. Alcuni rilievi di appena 540 metri di altezza, come il Monte Acqua a Domusnovas, in nessun modo possono essere considerati “colline” per via della loro verticalità. Non a caso, tutta l’area è meta di scalatori provenienti da ogni parte del mondo.